Il viaggio in treno è uno dei modi più rilassanti e piacevoli per esplorare la Gran Bretagna.

Con oltre 2.500 stazioni ferroviarie in Gran Bretagna, i visitatori hanno la possibilità di esplorare il Paese in treno e scoprire sia le città che le campagne di Inghilterra, Scozia e Galles. I tempi di percorrenza tra le principali destinazioni sono molto rapidi, ad esempio Londra King’s Cross – Edimburgo, 4 ore e 20 minuti; Londra Euston – Manchester 2 ore; Londra Paddington – Bath, 1 ora e 25 minuti; Londra Paddington – Cardiff, 2 ore e 5 minuti; Londra King’s Cross – York, 1 ora e 50 minuti; e Manchester Piccadilly – Windermere, Lake District, 1 ora e 40 minuti.

Il modo più conveniente di esplorare la Gran Bretagna in treno è il BritRail Pass, che comprende anche tante offerte 2×1 per le attrazioni. Con un BritRail Pass , i visitatori possono viaggiare quando e dove vogliono sulla rete ferroviaria nazionale, quindi possono facilmente scoprire i piaceri della Scozia o rilassarsi su una spiaggia in Cornovaglia.

Se si viaggia esclusivamente in Inghilterra, il BritRail England M Pass può essere scaricato sul proprio smartphone e il codice QR può essere utilizzato ai varchi e a bordo dei treni. Questo pass può essere acquistato prima di arrivare in Gran Bretagna e fino a 11 mesi prima, fornendo un’esperienza completamente digitale che permette di risparmiare tempo ed è il modo più semplice per esplorare la Gran Bretagna in treno.

Viaggiare in treno è un’ottima alternativa al viaggio in aereo, poiché non c’è bisogno di effettuare il check in e, solitamente, le stazioni ferroviarie sono situate nel centro delle città. E, per il massimo della comodità, la maggior parte dei treni offre servizi a bordo completi, come cibo e bevande, bagni, alloggiamenti per i bagagli e, per rimanere sempre connessi, Wi-Fi e prese di corrente per caricare cellulari e dispositivi elettronici.

Dal parco nazionale New Forest nel Sud dell’Inghilterra ( Londra Waterloo – Brockenhurst, 1 ora e 30 minuti) alle Highlands scozzesi (Edimburgo Waverley – Inverness, 3 ore e 20 minuti), il Britrail pass è un ottimo modo per esplorare la Gran Bretagna.

Consigli di viaggio

I treni più veloci e confortevoli della Gran Bretagna sono quelli che circolano sulle rotte principali. È sempre consigliabile prenotare il proprio posto in anticipo, specialmente se si vuole viaggiare negli orari di punta, come il venerdì sera. I treni principali dispongono di vagoni ristorante e aria condizionata, e sono veloci, ad esempio, da Londra alla capitale della Scozia, Edimburgo, il treno diretto impiega solo 4 ore e 20 minuti, oppure da Londra Paddington alla capitale del Galles, Cardiff, solo 2 ore.

Se sei portatore d’handicap e hai bisogno di assistenza, puoi chiamare National Rail Enquiries (almeno 24 ore prima del tuo viaggio) per prenotare l’assistenza passeggeri.

Una linea gialla sopra il finestrino del vagone indica uno scompartimento di prima classe. Anche se il treno è pieno, non puoi sederti in prima classe senza pagare la tariffa piena.

Solitamente, le stazioni sono segnalate in centro e nelle zone principali, e gli autobus fermano all’esterno. La domenica e nei giorni festivi, i treni possono circolare meno frequentemente e più lentamente del normale.

Un magico tour di nove giorni della Gran Bretagna in treno - il viaggio di un americano!

Gavin Landry si è unito al team di Visit Britain a settembre come Direttore delle Americhe; è venuto in Inghilterra e ha utilizzato alcuni dei nostri itinerari per familiarizzare con il nostro magnifico Paese. Ha riassunto il suo viaggio e condiviso la sua esperienza qui sotto.

Io e mia moglie, Marea, abbiamo deciso di fare un giro veloce della Gran Bretagna in treno per vedere dei posti in cui non eravamo mai stati prima. Durante il viaggio, abbiamo ammirato attrazioni magiche, provato ottimi piatti e bevande, ma soprattutto abbiamo incontrato l’unica cosa che ha reso davvero speciale il nostro viaggio: la gente della Gran Bretagna. In questo blog, condividerò foto non solo delle cose che abbiamo visto, ma anche delle persone che abbiamo incontrato lungo la strada. Tutti a bordo per il nostro tour della Gran Bretagna!

Giorni 1-2

Scozia

Edimburgo

Siamo volati a Edimburgo approfittando di una nuova rotta appena inaugurata da Norwegian Airlines. Io e Marea avevamo pianificato il nostro viaggio in base a un interessantissimo video realizzato dal team di VisitBritain. Poiché mancavano pochi giorni alla mia nomina di Direttore della regione delle Americhe per VisitBritain, volevo vedere il più possibile prima di unirmi al team. Rigorosamente per lavoro, non per fare una vacanza, d’accordo?

Ad ogni modo, ci siamo svegliati a Edimburgo, all’Hilton Grosvenor, e abbiamo iniziato a parlare con un giovane di nome Kyle [un glasgowiano; qualora non aveste mai sentito questa parola, significa che viene da Glasgow, in Scozia] . Kyle era sostanzialmente il receptionist, ma, alla fine del nostro viaggio, siamo diventati amici. Con grande piacere, abbiamo scoperto che era in corso l’Edinburgh Fringe Festival. Poiché avevamo pianificato il nostro viaggio in anticipo, non ci eravamo accorti che sarebbe coinciso con il Fringe. Curiosità: il Fringe Festival è nato a Edimburgo 70 anni fa e oggi i Fringe Festival vengono organizzati in tutto il mondo. Ci sono mediamente 300 spettacoli al giorno durante il Fringe, quindi è impossibile non trovarne uno [o 20] che ti piaccia. Il primo giorno, abbiamo fatto un giro per la città, abbiamo ammirato il Royal Mile, Queens Street, il castello di Edimburgo e altri luoghi magnifici nel cuore della capitale. Poi abbiamo visto uno spettacolo e abbiamo terminato la serata con una cena al ristorante Otro. Un risotto delizioso e un must di Edimburgo. È stato l’inizio di una magnifica vacanza.

Ruota di Falkirk e Kelpies

Ci siamo svegliati con una splendida colazione e un ragazzo ancora più splendido di nome Cameron che è di Dalkeith, nel Midlothian della Scozia. L’obiettivo della giornata era andare a Falkirk per ammirare la Ruota e i Kelpies. Siamo saltati su un treno e abbiamo raggiunto la stazione di Falkirk High [in circa 30 minuti, niente di più semplice]. Per l’ultimo tratto che ci separava dalla Ruota di Falkirk abbiamo scelto una rapida corsa in taxi al costo di £ 7. Ma c’erano delle alternative, come un autobus che porta fino alla ruota. La Ruota di Falkirk è una meraviglia dell’ingegneria sul Caledonian Scottish Canal System. L’unico e solo ascensore per imbarcazioni del suo genere al mondo; Sua Maestà, la Regina, ha inaugurato la Ruota di Falkirk nel 2002. Curiosità: la ruota è alta 35 metri, vale a dire l’equivalente di otto autobus a due piani messi l’uno sopra l’altro.

Poi, abbiamo preso un autobus per ammirare i Kelpies [un viaggio di circa 15 minuti e molto economico]. Gente, i Kelpies ci hanno lasciato senza fiato. Due teste di cavallo di metallo alte 30 metri, scolpite dall’artista Andy Scott prendendo come modelli i cavalli di razza Clydesdale Duke e Barron. Guardandoli, si riesce a distinguere le diverse personalità dei cavalli. I Kelpies, una parola che significa cavallo mitologico [pensate a Pegaso], sono ancora più magici di notte e in diversi periodi dell’anno, quando vengono illuminati a seconda della stagione. La realizzazione dei Kelpies ha richiesto nove anni; sono stati inaugurati nel 2013 e oggi sono un’attrazione di livello internazionale. Durante la nostra visita, ho notato persone dall’Asia, dal Medio Oriente e da ogni angolo del mondo. Non mi viene in mente un’altra attrazione nuova come i Kelpies che sia diventata così importante a livello mondiale. Se, quando vedete i Kelpies, non provate un’istintiva reazione emotiva, vi consiglio di farvi controllare il cuore da un dottore, così per dire.

Dopo Falkirk, siamo tornati a Edimburgo, abbiamo cenato nuovamente da Otro [niente critiche, per favore] e abbiamo visto un altro spettacolo del Fringe [a memoria) credo fosse Tapeface, il mimo dei tempi moderni.

Giorno 3

Lake District

La giornata è iniziata presto per prendere il treno per il Lake District dell’Inghilterra, un luogo chiamato Windermere. Giustamente, abbiamo soggiornato in un grazioso albergo sulle rive del lago Windermere. Il treno da Edimburgo ci ha portati alla stazione di Oxenholme, da dove abbiamo preso un taxi per il nostro hotel, Storrs Hall. Questo bucolico ambiente della Cumbria, contea del Nord dell’Inghilterra, era proprio quello di cui avevamo bisogno dopo i due movimentati giorni a Edimburgo. Ci siamo rilassati nella proprietà e abbiamo piacevolmente conversato con gli altri ospiti e con il personale, soprattutto con un uomo adorabile di nome Fred, che ora è cittadino inglese, ma viene dal Kenya. Diversi ospiti parlavano della loro visita alla Beatrix Potter Gallery, la scrittrice per bambini che ha creato, tra gli altri, il personaggio di Peter Rabbit.

Boat on Lake Windermere
Giorni 4-5

Manchester e Liverpool

Manchester

Manchester e Liverpool, a modo nostro! In questo giorno, abbiamo deciso di partire dalla stazione di Windermere, invece di tornare a Oxenholme, perché ci costava meno prendere un taxi per Windermere e poi era praticamente lo stesso viaggio con una fermata in più. Il treno è andato direttamente a Manchester [che è sulla strada per Liverpool]. All’arrivo, una tappa veloce al Centro visitatori di Manchester ci ha aiutati a preparare uno splendido giro a piedi. Tra le scelte c’erano la John Rylands Library che presenta una magnifica collezione di libri rari, il National Football Museum [il calcio, amici, ma abituatevi a chiamarlo “football”!] e un cocktail bar, il Cloud23, che compariva nel video di VisitBritain. Abbiamo attraversato il centro e il senso d’orgoglio di Manchester era palpabile. Lo spirito e la determinazione della gente di Manchester sono entusiasmanti. Grazie al consigliere comunale Rob, abbiamo scoperto che le api di Manchester simboleggiano l’etica del lavoro dei suoi abitanti, e abbiamo gozzovigliato nei locali che l’operatore ecologico Tony [che è andato a scuola con il consigliere comunale Rob] ci ha consigliato. Cloud 23 godeva di una splendida vista, essendo in cima al Manchester Hilton, e serviva dell’ottimo cibo.

Curiosità: a Lincoln Square a Manchester c’è una statua del presidente Abraham Lincoln. Perché? Perché Manchester boicottò il cotone del sud quando gli stati sudisti si separarono dall’unione poco prima della guerra di secessione americana; un gesto che il presidente Lincoln non dimenticò mai.

Una volta terminata la nostra giornata a Manchester, siamo andati a Liverpool in treno [un viaggio di soli 54 minuti]. Siamo andati a letto a Liverpool, pensando alla prossima volta in cui avremmo potuto tornare a Manchester per vedere altri posti della città.

Liverpool

“Whisper words of wisdom, let it be.” Ehi, siamo a Liverpool! La nostra giornata inizia con un pranzo leggero all’Albert Dock e una visita al Beatles Story. Quest’ottima esposizione dei cimeli e degli oggetti dei Beatles che non conoscevo è stata fantastica. Dedicherei almeno tre ore al Beatles Story. Si può anche visitare il bar/pub dove i Beatles suonavano nel periodo prima di sbarcare in America [Cavern Club]. Liverpool è una città ben percorribile a piedi e, mentre eravamo lì, abbiamo anche visitato il Tate.

Essendo una città portuale, a Liverpool sono state commissionate molte navi famose. Tra queste, la Lusitania e il Titanic!

La giornata è volata via in un lampo e abbiamo messo la testa sul cuscino pensando al nostro prossimo viaggio in treno per Cardiff, in Galles.

Giorno 6

Cardiff

Abbiamo preso il primo treno per Cardiff. Quattro ore e mezza dopo, eravamo già a Cardiff e nella terra di Dr. Who e Torchwood. Il castello di Cardiff occupa un posto di spicco nel centro della città, offrendoci uno scenario come non ne avevamo mai visti fino ad allora durante il viaggio. Un giro a piedi della città avrebbe poi rivelato i tanti episodi di Dr. Who che hanno utilizzato il castello di Cardiff come location.

Le numerose e splendide attrazioni nelle vicinanze comprendono il Millennium Stadium, lo stadio nazionale del Galles, che è anche il cuore del centro. In Galles, abbiamo conosciuto delle persone deliziose che ci hanno raccontato la storia del loro Paese e il motivo per cui sulla bandiera del Galles è raffigurato un dragone. Quello dovrete scoprirlo da soli, ma ci sono dei motivi pratici e leggendari per cui il Dragone rosso adorna la bandiera del Galles.

Giorni 7- 8

Bath e Stonehenge

Bath

Oggi si va a Bath, in Inghilterra. Un viaggio in treno di due ore e ci troviamo a Bath, nel Sud Ovest dell’Inghilterra. L’influenza dell’epoca romana è ancora ben visibile a Bath. Una rapida corsa in taxi ci porta in centro, dove ci imbarchiamo in un tour a piedi autoguidato e ci godiamo i tanti mercati con gli artigiani locali che vendono oggetti appena realizzati.

Poi, ammiriamo le terme romane. Ottimamente conservate, ci si può letteralmente immaginare i tempi in cui erano un luogo di incontro pubblico e facevano parte della cultura quotidiana. Altrettanto popolari a Bath sono il ponte Pulteney, il Jane Austen Centre e il Royal Crescent.

Stonehenge

Stonehenge! La costruzione di Stonehenge iniziò nel 3.100 a.C. senza alcuna traccia scritta da parte degli ideatori, quindi ci sono molte teorie sul motivo della sua creazione. Si va dalla piattaforma d’atterraggio aliena a un modo, per la gente dell’epoca, di segnare il tempo utilizzando il sole, ma, comunque, il posto è fighissimo.

Abbiamo partecipato a un tour organizzato con partenza da Bath. Siamo stati prelevati in autobus a Bath e, dopo un viaggio di circa un’ora, siamo arrivati all’attrazione. Il prezzo era ragionevole, se ben ricordo sulle 70 sterline a testa. Sull’autobus, l’autista ci ha parlato degli altri luoghi che attraversavamo, rendendo il viaggio molto piacevole. Una di queste attrazioni era la sagoma di gesso di un cavallo di nome Bratton White Hors, vicino Salisbury. Questo enorme cavallo è alto 55 metri e largo 52, ed è un simbolo notissimo della zona.

Stonehenge è un sito molto organizzato, con un grazioso centro visitatori e una serie di autobus che circolano regolarmente e collegano il centro con l’attrazione. Sull’autobus, abbiamo conosciuto David, l’autista, di Trowbridge, in Inghilterra. La sua è una famiglia di contadini, e lui ha vissuto tutta la sua vita lì. Aveva un sorriso in grado di illuminare una stanza, e sul suo cartellino avevo notato la dicitura “responsabile di turno”.

Giorno 9

Rientro a Edimburgo

Ultimo giorno… siamo molto tristi, ma ci aspettano ancora grandi cose! Poiché avevamo prenotato un biglietto andata e ritorno da Edimburgo, dovevamo tornare in Scozia. Così, abbiamo preso il treno da Bath che in 15 minuti ci ha portati a Bristol Temple Meads, l’unico cambio del nostro viaggio. Poi, in quattro ore e mezza siamo arrivati a Edimburgo per la nostra ultima sera. Ripensandoci, per il prossimo viaggio potremmo fare un biglietto aereo open-jaw per avere più flessibilità.

Una volta arrivati a Edimburgo, abbiamo consumato una delle nostre migliori cene in un posto di nome L’Escargot Bleu, consigliatoci da un angelo di signora che abbiamo conosciuto in treno. Gli chef Bertrand e Connor sono stati davvero bravissimi nel creare una fusione mai provata prima tra cucina scozzese e francese.

Abbiamo concluso la serata guardando i fuochi d’artificio sul castello di Edimburgo per la parata militare in corso, e poi abbiamo beccato Craig Ferguson, uno scozzese, che registrava un podcast nell’ambito del Fringe.

Per farla breve, l’esperienza in treno è stata perfetta, e quello che ci ha più colpiti è stata la facilità e la vicinanza delle città tra loro che hanno reso estremamente piacevole spostarsi in Gran Bretagna. Essendo americano, sono abituato a spostarmi in aereo tra le città, ma in quattro ore di treno si può arrivare praticamente ovunque in Gran Bretagna.

#loveGreatBritain

Tempi di percorrenza

I viaggi all’interno del Paese possono comportare dei cambi, poiché la maggior parte delle linee parte da Londra, che ha 7 terminal principali. Ecco qualche esempio di viaggio:

Euston, Londra Birmingham (1ora e 20 minutos)
Chester (2 ore e)
Manchester (2 ore e 5 minutos)
Liverpool (2 ore e 15 minutos)
Llandudno Junction, Galles del nord (2 ore e 50 minutos)
Kings Cross, Londra York (1 ora e 50 minutos)
Lincoln (2 ore e 20 minutos)
Newcastle (2 ore e 50 minutos)
Durham (2 ore e 55 minutos)
Edinburgo, Scozia (4 ore e 20 minutos)
Liverpool Street, Londra Cambridge (1 ora e 10 minutos)
Norwich (1 ora e 40 minutos)
Marylebone, Londra Bicester Village (50 minutos)
Warwick (1 ora e 25 minutos)
Stratford-upon-Avon (2 ore e)
Oxford (1 ora e 10 minutos)
London Paddington Oxford (55 minutos)
Windsor (55 minutos)
Bath (1 ora e 25 minutos)
Bristol (1 ora e 40 minutos)
Cardiff (2 ore e)
St Pancras, Londra Brighton (1 ora e 30 minutos)
Parigi con Eurostar (2 ore e 25 minutos)
Victoria, Londra Brighton (55 minutos)
Waterloo, Londra Salisbury para Stonehenge (1 ora e 20 minutos)
Bournemouth (1 ora e 55 minutos)

Brochure scaricabili